Categorie
News

REGIONE MARCHE: FONDO PERDUTO DI 20.000 EURO PER LA CREAZIONE D’IMPRESA

REGIONE MARCHE: FONDO PERDUTO DI 20.000 EURO PER LA CREAZIONE D’IMPRESA

AREA DI RIFERIMENTO

Regione Marche

DOTAZIONE FINANZIARIA

€ 3.500.000 prima finestra
€ 3.500.000 seconda finestra

DESTINATARI DELLA MISURA

Soggetti disoccupati regolarmente iscritti al Centro per l’impego, intenzionati ad avviare un’attività d’impresa, ditta individuale o società, o uno studio professionale singolo o associato. Tali soggetti devono essere residenti nella Regione Marche e avere un’età compresa tra i 18 e i 65 anni. Possono presentare domanda anche i soggetti iscritti all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero, per i quali il requisito della disoccupazione e la residenza nella regione Marche devono essere posseduti al momento della costituzione dell’impresa.

TIPOLOGIA ED ENTITA DEL CONTRIBUTO

Viene concesso un contributo a fondo perduto a forfait pari a 20.000 euro. Decorso l’anno di durata del progetto, va dimostrata l’occupazione del soggetto richiedente, attraverso le attestazioni di versamento dei contributi obbligatori.

INTERVENTI AMMESSI

Saranno finanziate le nuove imprese e i nuovi studi professionali che abbiano sede legale e sede operativa all’interno della Regione Marche e che costituiscano l’attività (apertura della partita iva) dopo la presentazione della domanda, presentata individualmente dal soggetto disoccupato.

REQUISITI RICHIESTI

• stato di disoccupazione del soggetto richiedente
• avvio dell’impresa (apertura p.iva) dopo la presentazione della domanda

DATE PRESENTAZIONE DOMANDE

Sono previste due finestre temporali:
• 1° finestra: dal 06/10/2022 al 31/12/2022 per € 3.500.000
• 2° finestra: dal 01/05/2023 al 31/07/2023 per € 3.500.000

PROCEDURA DI VALUTAZIONE

Le domande verranno valutate nel rispetto della griglia di valutazione prevista dal bando. Non è importante l’ordine cronologico di invio.

    Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





    Categorie
    News

    CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO A SEGUITO DELLA CRISI RUSSO-UCRAINA

    CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO A SEGUITO DELLA CRISI RUSSO-UCRAINA

    DOTAZIONE FINANZIARIA:

    La disponibilità finanziaria per il presente intervento è pari a € 3.615.162,86 di cui:
    • € 2.800.000,00 per i contributi di cui alla misura a)
    • € 815.162,86 per i contributi di cui alla misura b)

    DESTINATARI DELLA MISURA:

    • Misura a): medie, piccole e micro imprese della Regione Marche esportatrici abituali verso Ucraina, Russia e Bielorussia
    • Misura b): medie, piccole e micro imprese della Regione Marche fornitrici delle imprese esportatrici abituali di cui al punto a

    TIPOLOGIA ED ENTITA DEL CONTRIBUTO:

    E’ concesso un contributo a fondo perduto una tantum a titolo di sostegno economico in relazione crisi generata dalla guerra Russo/Ucraina secondo lo schema riportato a seguire:

    Misura a)

    Contributo straordinario una tantum a fondo perduto a favore delle imprese esportatrici abituali:

    • Imprese per le quali le esportazioni in Ucraina, Russia e Bielorussia rappresentano una percentuale compresa tra il 10 e il 25% della media del fatturato del triennio 2019-2021 – € 10.000,00

    • Imprese per le quali le esportazioni in Ucraina, Russia e Bielorussia rappresentano una percentuale compresa tra il 25 e il 40% della media del fatturato del triennio 2019-2021 – € 20.000,00

    • Imprese per le quali le esportazioni in Ucraina, Russia e Bielorussia rappresentano una percentuale compresa tra il 40 e il 60% della media del fatturato del triennio 2019-2021 – € 30.000,00

    • Imprese per le quali le esportazioni in Ucraina, Russia e Bielorussia rappresentano una percentuale maggiore del 60% della media del fatturato del triennio 2019-2021 – € 50.000,00

    Misura b)

    Contributo straordinario una tantum a fondo perduto a favore delle imprese fornitrici delle imprese esportatrici abituali:

    •Imprese il cui fatturato verso imprese beneficiarie del contributo al punto a) è inferiore a € 500.000 calcolato tramite la media del fatturato del triennio 2019-2021 – € 10.000,00

    • Imprese il cui fatturato verso imprese beneficiarie del contributo al punto a) è pari o superiore a € 500.000 calcolato tramite la media del fatturato del triennio 2019-2021 – € 20.000,00

    N.B. L’ammontare complessivo del fatturato e la percentuale delle esportazioni verso la Federazione Russa, l’Ucraina e la Bielorussia dovrà essere attestata da apposita asseverazione da parte di un tecnico abilitato, da allegare alla domanda.

    TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

    Le domande potranno essere presentate dal 01/08/2022 ed entro le ore 9:00 del 26/09/2022.

    CRITERI DI VALUTAZIONE:

    Riparametrazione dei contributi in funzione del numero di domande ricevute.

      Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





      Categorie
      News

      CONTRIBUTI PER AZIONI PER IL RIORIENTAMENTO E LA DIVERSIFICAZIONE DEI MERCATI

      CONTRIBUTI PER AZIONI PER IL RIORIENTAMENTO E LA DIVERSIFICAZIONE DEI MERCATI

      DOTAZIONE FINANZIARIA:

      € 2.000.000 di cui € 1.000.000 per i Comuni dell’Area del Cratere e limitrofi e € 1.000.000 per tutti gli altri Comuni della Regione Marche

      DESTINATARI DELLA MISURA:

      Medie, piccole e micro imprese della Regione Marche

      PROGRAMMI DI INVESTIMENTO AMMISSIBILI:

      Il programma di spesa proposto deve collocarsi nell’individuazione di nuove opportunità di business nei mercati esteri già serviti e/o nella ricerca di nuovi mercati e di nuovi fornitori e prevedere almeno due dei seguenti ambiti d’intervento:

      a) innovazione della strategia promozionale nei mercati di riferimento individuati nel progetto;
      b) temporary export manager e digital export manager in affiancamento al personale
      aziendale con esperienza almeno triennale;
      c) analisi e ricerche di mercato per l’individuazione di nuovi mercati e fornitori;
      d) sito web aziendale ai fini dello sviluppo di attività di promozione digitale dell’export;
      e) marketing digitale attraverso uno o più canali digitali;
      f) business on line quale attività di innovazione del processo commerciale;
      g) social media marketing compreso l’utilizzo degli influencers, di storytellers e storytelling.

      Va inoltre valutata la capacità del progetto di collocarsi in alcuni ambiti innovativi fissati dalla Regione Marche.

      Tutte le attività proposte devono risultare chiaramente riconducibili e verificabili in relazione ai mercati target individuati nel progetto.

      SPESE AMMISSIBILI:

      Sono ammissibili tutte le spese ricadenti all’interno del programma di investimento ammissibile di cui al paragrafo precedente tra le quali, a titolo esemplificativo:
      • progettazione, predisposizione, revisione, traduzione dei cataloghi/brochure/presentazioni aziendali;
      • spese di consulenza per la progettazione, creazione e sviluppo di vetrine digitali;
      • spese di consulenza volte allo sviluppo delle competenze interne attraverso l’utilizzo di Temporary Export Manager (TEM) e Digital Export Manager (DEM)
      • spese di realizzazione del sito web
      • spese per social media marketing e promozione sui canali on line

      SOGLIE DI INVESTIMENTO:

      L’investimento minimo deve essere di € 5.000

      ENTITA’ CONTRIBUTO:

      Il contributo è pari al 70% della spesa ammissibile fino ad un massimo concedibile pari a 40.000 euro.

      TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

      Le spese possono essere retroattive al 24/02/2022 e devono concludersi entro 6 mesi dall’emissione delle graduatorie.

      TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

      Le domande potranno essere presentate dal 16 Maggio 2022 ed entro le ore 13:00 del 30 Giugno 2022.

      CRITERI DI VALUTAZIONE:

      Procedura valutativa a graduatoria. Pertanto non è rilevante l’ordine cronologico di invio delle domande.

        Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





        Categorie
        News

        CONTRIBUTI PER AZIONI DEDICATE ALLA TRANSIZIONE AL DIGITALE

        CONTRIBUTI PER AZIONI DEDICATE ALLA TRANSIZIONE AL DIGITALE

        DOTAZIONE FINANZIARIA:

        € 4.200.000,00 di cui € 2.500.000,00 esclusivamente per le imprese localizzate nell’area cratere e comuni limitrofi e € 1.700.000,00 per tutte le altre imprese marchigiane

        DESTINATARI DELLA MISURA:

        Medie, piccole e micro imprese della Regione Marche

        PROGRAMMI DI INVESTIMENTO AMMISSIBILI:

        I progetti dovranno prevedere obbligatoriamente l’introduzione/implementazione di almeno una delle tecnologie di innovazione riportate nell’elenco a seguire e una consulenza strategica che accompagni l’azienda nell’adeguata adozione delle tecnologie medesime:
        • robotica avanzata e collaborativa;
        • interfaccia uomo-macchina;
        • manifattura additiva e stampa 3D;
        • prototipazione rapida
        • internet delle cose e delle macchine;
        • cloud, High Performance Computing – HPC, fog e quantum computing;
        • soluzioni di cyber security e business continuity (es. CEI – cyber exposure index, vulnerability assessment, penetration testing etc);
        • big data e analytics;
        • intelligenza artificiale, machine learning e deep learning;
        • blockchain e distributed ledger technologies;
        • soluzioni tecnologiche per la navigazione immersiva, interattiva e partecipativa (realtà aumentata, realtà virtuale e ricostruzioni 3D);
        • simulazione, digital twins e sistemi cyber fisici;
        • integrazione verticale e orizzontale
        • soluzioni tecnologiche digitali di filiera per l’ottimizzazione della supply chain;
        • soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali con elevate caratteristiche di integrazione delle attività (ad es. ERP, MES, PLM, SCM, CRM, incluse le tecnologie di tracciamento, ad es. RFID, barcode, etc).
        Facoltativamente, e in aggiunta ad almeno uno degli ambiti di cui sopra, il progetto può prevedere la realizzazione di uno o più dei seguenti interventi:
        • Sistemi di e-commerce;
        • Geolocalizzazione;
        • Sistemi EDI, electronic data interchange;
        • Tecnologie per l’in-store customer experience;
        • Sistemi di pagamento mobile e/o via internet e fintech;
        • Sistemi digitali a supporto della forza vendita, inclusi sistemi di configurazione prodotto per piattaforme B2B e B2C;

        I progetti devono ricadere in alcuni ambiti di innovazione tecnologica, definiti all’interno della strategia della “specializzazione intelligente” della Regione Marche.

        SPESE AMMISSIBILI:

        Sono ammissibili tutte le spese ricadenti all’interno del programma di investimento di cui al paragrafo precedente e in particolare:
        • Spese per l’acquisizione di strumenti, attrezzature, macchinari, hardware, software e servizi;
        • Costi per i servizi di consulenza esterna specialistica e servizi equivalenti;
        • Costi per i servizi di “Test before Invest” di sistemi e tecnologie digitali
        • Spese per l’ottenimento di certificazioni di prodotto e di processo

        SOGLIE DI INVESTIMENTO:

        L’investimento minimo deve essere almeno pari a € 25.000

        ENTITA’ CONTRIBUTO:

        Il contributo concesso può raggiungere la soglia del 35% per i beni strumentali e per i software e del 50% per la consulenza. L’agevolazione massima concedibile è pari a 140.000 euro.

        TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

        Il programma di spesa dovrà essere avviato dopo la presentazione della domanda.

        TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

        Le domande potranno essere presentate dal 16 Maggio 2022 ed entro le ore 13:00 del 30 Giugno 2022.

        CRITERI DI VALUTAZIONE:

        Procedura valutativa a graduatoria. Pertanto non è rilevante l’ordine cronologico di invio delle domande.

          Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





          Categorie
          News

          MISURA NAZIONALE: FONDO IMPRESA DONNA

          MISURA NAZIONALE: FONDO IMPRESA DONNA

          DOTAZIONE FINANZIARIA ATTTUALE:

          200 milioni di euro

          AREA DI RIFERIMENTO:

          Nazionale

          DEFINIZIONE DI IMPRESA FEMMINILE

          Per impresa femminile si intende:
          1. società di persone, nonché cooperative, in cui il numero di donne socie rappresenti almeno il 60% dei componenti la compagine sociale;
          2. le società di capitali le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore ai due terzi a donne e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne;
          3. impresa individuale il cui titolare è donna
          4. lavoratrici autonome con P.IVA

          INTERVENTI AMMISSIBILI:

          Il bando distingue due diverse tipologie di intervento:
          1. incentivi per la nascita e lo sviluppo di imprese femminili
          2. incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili

          NEL DETTAGLIO:

          1. incentivi per la nascita e lo sviluppo di imprese femminili
          • DESTINATARI:
          Imprese e lavoratrici autonome costituite da meno di 12 mesi alla data di presentazione della domanda. Per le lavoratrici autonome fa fede la data di apertura della P.IVA.

          Rientrano in questa categoria anche le persone fisiche che intendano costituire un’impresa femminile. In questo caso, decorsi sessanta giorni dalla delibera di ammissione, dovrà essere dimostrata la costituzione dell’impresa o l’apertura della P.IVA.

          • AMBITI D’INTERVENTO:
          All’iniziativa sono ammesse tutte le attività economiche, con l’esclusione dell’agricoltura.

          • SPESE AMMISSIBILI
          Le spese ammissibili riguardano: impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica; software e servizi cloud; personale dipendente assunto a tempo indeterminato e determinato, esigenze di capitale circolante nel limite del 20% delle spese ritenute ammissibili quali materie prime,locazione immobili, materiali di consumo e servizi di carattere ordinario. Le spese devono essere sostenute dopo la presentazione della domanda e non devono superare l’importo di 250.000 euro.

          • AGEVOLAZIONE CONCEDIBILE:
          Per i programmi che prevedono spese ammissibili non superiori ai 100.000 euro, le agevolazioni sono concesse fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili e comunque per un importo di contributo massimo pari a € 50.000. Per le donne in stato di disoccupazione che avviano un’impresa individuale o un’attività di lavoro autonomo, la percentuale massima di contributo sale al 90%, fermo restando il limite massimo di 50.000 euro. Per i programmi che prevedono spese superiori a 100.000 euro e fino a 250.000, le agevolazioni sono concesse fino a copertura a fondo perduto del 50% delle spese ammissibili.

          2. incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili
          • DESTINATARI
          Imprese e lavoratrici autonome costituite da almeno 12 mesi alla data di presentazione della domanda.
          Possono partecipare a questa misura anche le imprese costituite oltre i 12 mesi. Per le lavoratrici autonome fa fede la data di apertura della P.IVA.

          • AMBITI D’INTERVENTO
          All’iniziativa sono ammesse tutte le attività economiche.

          • SPESE AMMISSIBILI
          Le spese ammissibili riguardano: impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica; software e servizi cloud; personale dipendente assunto a tempo indeterminato e determinato. Le esigenze di capitale circolante, quali materie prime, materiali di consumo, locazioni immobili e servizi di carattere ordinario, sono ammissibili nella misura del 20% per le imprese costituite da non più di 36 mesi. Per le imprese costituite oltre i 36 mesi tali spese sono ammesse nella misura del 25%, per una percentuale dell’80% della media del circolante degli ultimi tre esercizi alla data di presentazione della domanda (la media va asseverata da un revisore legale). Le spese devono essere sostenute dopo la presentazione della domanda e l’importo di 400.000 euro.

          • AGEVOLAZIONE CONCEDIBILE
          Per le imprese femminili costituite da almeno 12 mesi e da non più di 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, le agevolazioni sono concesse per il 50% dell’ammontare complessivo in forma di contributo a fondo perduto e, per il restante 50%, in forma di finanziamento agevolato a un tasso pari a zero, fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili.

          Per le imprese femminili costituite da oltre 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, ferma restando la copertura dell’80% delle spese ammissibili, le agevolazioni sono concesse per il 50% in forma di contributo a fondo perduto e, per il restante 50%, in forma di finanziamento agevolato a un tasso pari a zero per le sole spese di investimento. Le esigenze di capitale circolante sono agevolate nella forma del contributo a fondo perduto.

          Il finanziamento a tasso zero ha una durata massima di 8 anni, con restituzione che inizia dopo 12 mesi dalla data di erogazione dell’ultima quota dell’agevolazione.

          MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

          1. incentivi per la nascita e lo sviluppo di imprese femminili: l’invio delle domande è fissato al 19 maggio 2022 dalle ore 10:00. Dal 5 maggio sarà possibile caricare le richieste sulla piattaforma
          2. incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili: l’invio delle domande è fissato al 7 giugno 2022 dalle ore 10:00. Dal 24 maggio sarà possibile caricare le richieste sulla piattaforma

          PROCEDURA DI VALUTAZIONE:

          Fermo restando l’ordine cronologico di arrivo, è prevista una griglia di valutazione delle proposte progettuali.

            Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





            Categorie
            News

            CONTRIBUTI PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ARTIGIANE

            CONTRIBUTI PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ARTIGIANE

            DOTAZIONE FINANZIARIA:

            € 1.000.000,00

            DESTINATARI DELLA MISURA:

            Micro e piccole imprese artigiane, ubicate in Regione Marche e iscritte all’albo delle imprese artigiane.

            OBIETTIVI DELL’INTERVENTO:

            I progetti che potranno essere ammessi a contributo devono riguardare la digitalizzazione dei processi aziendali e l’ammodernamento tecnologico tramite l’acquisto di software, hardware o servizi di consulenza specialistica che consentano: a. il miglioramento dell’efficienza aziendale;
            b. lo sviluppo di soluzioni di e-Commerce;
            c. la connettività a banda larga e ultra larga;
            d. il collegamento Internet con tecnologia satellitare, con acquisto di decoder e parabole
            e. web marketing;
            f. Implementazione di CRM aziendali;
            g. Digitalizzazione dei processi;
            h. Realtà aumentata;
            i. Raccolta e/o valorizzazione di dati e informazioni e loro protezione;
            j. Automazione robotica

            SPESE AMMISSIBILI:

            Sono ammissibili tutte le spese finalizzate al raggiungimento degli obiettivi di cui al punto precedente. In particolare hardware, software e consulenza specialistica finalizzati alla digitalizzazione dei processi e alla gestione aziendale. Sono ammesse anche le spese strutturali e tecniche funzionali al raggiungimento de medesimi obiettivi.

            SOGLIE DI INVESTIMENTO:

            L’investimento minimo deve essere pari ad almeno € 10.000.

            ENTITA’ CONTRIBUTO:

            Il contributo concedibile è pari al 50% della spesa ammissibile fino ad un massimo di 15.000 euro.

            TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

            Le spese possono essere retroattive al 01/01/2020 (fa fede la data di fatturazione) e devono concludersi entro 10 mesi dall’emissione delle graduatorie. E’ pertanto possibile partecipare alla misura sia con spese già sostenute, che con i soli preventivi di spesa.

            TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

            Le domande potranno essere presentate entro le ore 18:00 del 15 Marzo 2022

            CRITERI DI VALUTAZIONE:

            Procedura valutativa secondo una griglia di valutazione.

              Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





              Categorie
              News

              CONTRIBUTI PER LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE ARTIGIANE E DELL’ARTIGIANATO DIGITALE

              CONTRIBUTI PER LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE ARTIGIANE E DELL’ARTIGIANATO DIGITALE

              DOTAZIONE FINANZIARIA:

              € 898.000,00

              DESTINATARI DELLA MISURA:

              Micro e piccole imprese artigiane ubicate in Regione Marche, regolarmente iscritte all’albo delle imprese artigiane. Per le imprese dell’artigianato digitale le stesse devono essere iscritte all’albo delle imprese artigiane altamente digitalizzate. Le imprese devono risultare iscritte all’albo artigiani in data non antecedente al 01/01/2020.

              SPESE AMMISSIBILI:

              Sono ammissibili tutte le spese legate all’avvio dell’attività d’impresa. A titolo esemplificativo e non esaustivo: opere edili, murarie ed impiantistiche, macchinari, hardware, software, consulenze non ordinarie, spese promozionali e registrazione di marchi.

              SOGLIE DI INVESTIMENTO:

              Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a € 10.000.

              ENTITA’ CONTRIBUTO:

              Il contributo è pari al 50% della spesa ammissibile fino ad un massimo di contributo concedibile pari a 30.000 euro.

              TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

              Le spese possono essere retroattive al 01/01/2020 ( fa fede la data di fatturazione) e devono concludersi entro 10 mesi dall’emissione delle graduatorie. E’ pertanto possibile partecipare alla misura sia con spese già sostenute, che con i soli preventivi di spesa.

              TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

              Le domande potranno essere presentate entro il 15 marzo 2022 alle ore 18:00.

              CRITERI DI VALUTAZIONE:

              Procedura valutativa secondo la griglia di valutazione prevista dalla norma di riferimento.

                Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





                Categorie
                News

                CONTRIBUTI PER L’AMMODERNAMENTO STRUTTURALE E TECNOLOGICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

                CONTRIBUTI PER L’AMMODERNAMENTO STRUTTURALE E TECNOLOGICO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

                DOTAZIONE FINANZIARIA:

                € 1.500.000,00

                DESTINATARI DELLA MISURA:

                Micro e piccole imprese ubicate in Regione Marche e iscritte all’albo delle imprese artigiane presso la relativa Camera di Commercio.

                PROGRAMMI DI INVESTIMENTO AMMISSIBILI:

                Sono ammissibili i seguenti interventi:
                • Interventi di ristrutturazione di unità produttive già esistenti;
                • Interventi di acquisizione di macchinari sostitutivi o aggiuntivi.

                SPESE AMMISSIBILI:

                Sono ammissibili le seguenti spese:
                • spese per opere murarie ed accessorie (impianti idrotermosanitari, elettrici, areazione, antincendio, climatizzazione, aspirazione, antifurto e di tutti gli impianti a rete). Sono ammesse spese di ristrutturazione ordinaria e straordinaria
                • spese di progettazione, direzione lavori connesse alle opere edili/murarie o spese per la consulenza energetica
                • spese per l’acquisto di nuovi macchinari impianti e attrezzature
                • spese per l’acquisto di consulenze specialistiche, hardware e software, sistemi di trasmissione, sensoristica dedicata.

                SOGLIE DI INVESTIMENTO:

                Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a 10.000 euro.

                ENTITA’ CONTRIBUTO:

                Il contributo è pari al 50% della spesa ammissibile fino ad un massimo concedibile pari a 50.000 euro.

                TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

                Le spese possono essere retroattive al 01/01/2020 e devono concludersi entro 10 mesi dall’emissione delle graduatorie. E’ pertanto possibile partecipare alla misura sia con spese già sostenute, che con i soli preventivi di spesa.

                TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

                Le domande potranno essere presentate entro il 15 Marzo 2022 alle ore 18:00

                CRITERI DI VALUTAZIONE:

                Procedura valutativa secondo una griglia di valutazione.

                  Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





                  Categorie
                  News

                  MISURA NAZIONALE: FONDO IMPRESA DONNA

                  MISURA NAZIONALE: FONDO IMPRESA DONNA

                  DOTAZIONE FINANZIARIA ATTUALE:

                  20 milioni di euro

                  AREA DI RIFERIMENTO

                  Nazionale

                  DEFINIZIONE DI IMPRESA FEMMINILE

                  Per impresa femminile si intende:
                  1. società di persone, nonché cooperative, in cui il numero di donne socie rappresenti almeno il 60% dei componenti la compagine sociale;
                  2. le società di capitali le cui quote di partecipazione spettino in misura non inferiore ai due terzi a donne e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne;
                  3. impresa individuale il cui titolare è donna;
                  4. lavoratrici autonome con P.IVA

                  INTERVENTI AMMISSIBILI

                  Il bando distingue due diverse tipologie di intervento:
                  1. incentivi per la nascita e lo sviluppo di imprese femminili
                  2. incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili

                  NEL DETTAGLIO:

                  1. incentivi per la nascita e lo sviluppo di imprese femminili

                  • DESTINATARI:

                  Imprese e lavoratrici autonome costituite da meno di 12 mesi alla data di presentazione della domanda. Per le lavoratrici autonome fa fede la data di apertura della P.IVA. Rientrano in questa categoria anche le persone fisiche che intendano costituire un’impresa femminile e che risultino disoccupate alla data di presentazione della domanda. In questo caso, decorsi sessanta giorni dalla delibera di ammissione, dovrà essere dimostrata la costituzione dell’impresa o l’apertura della P.IVA.

                  • AMBITI D’INTERVENTO:

                  All’iniziativa sono ammesse tutte le attività economiche.

                  • SPESE AMMISSIBILI:

                  Le spese ammissibili riguardano: impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica; software e servizi cloud; personale dipendente assunto a tempo indeterminato e determinato, esigenze di capitale circolante nel limite del 20% delle spese ritenute ammissibili quali materie prime, materiali di consumo e servizi di carattere ordinario. Le spese devono essere sostenute dopo la presentazione della domanda e non devono superare l’importo di 250.000 euro.

                  • AGEVOLAZIONE CONCEDIBILE:

                  Per i programmi che prevedono spese ammissibili non superiori ai 100.000 euro, le agevolazioni sono concesse fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili e comunque per un importo di contributo massimo pari a € 50.000. Per le donne in stato di disoccupazione che avviano un’impresa individuale o un’attività di lavoro autonomo, la percentuale massima di contributo sale al 90%, fermo restando il limite massimo di 50.000 euro. Per i programmi che prevedono spese superiori a 100.000 euro e fino a 250.000, le agevolazioni sono concesse fino a copertura del 50% delle spese ammissibili.

                  2. Incentivi per lo sviluppo e il consolidamento delle imprese femminili

                  • DESTINATARI

                  Imprese e lavoratrici autonome costituite da almeno 12 mesi alla data di presentazione della domanda. Per le lavoratrici autonome fa fede la data di apertura della P.IVA.

                  • AMBITI D’INTERVENTO

                  All’iniziativa sono ammesse tutte le attività economiche.

                  • SPESE AMMISSIBILI

                  Le spese ammissibili riguardano: impianti, macchinari e attrezzature nuovi di fabbrica; software e servizi cloud; personale dipendente assunto a tempo indeterminato e determinato. Le esigenze di capitale circolante, quali materie prime, materiali di consumo e servizi di carattere ordinario, sono ammissibili nella misura del 20% per le imprese costituite da non più di 36 mesi. Per le imprese costituite oltre i 36 mesi tali spese sono ammesse nella misura del 25%, per una percentuale dell’80% della media del circolante degli ultimi tre esercizi alla data di presentazione della domanda.
                  Le spese devono essere sostenute dopo la presentazione della domanda e non devono superare l’importo di 400.000 euro.

                  • AGEVOLAZIONE CONCEDIBILE

                  Per le imprese femminili costituite da almeno 12 mesi e da non più di 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, le agevolazioni sono concesse per il 50% dell’ammontare complessivo in forma di contributo a fondo perduto e, per il restante 50%, in forma di finanziamento agevolato a un tasso pari a zero, fino a copertura dell’80% delle spese ammissibili.

                  Per le imprese femminili costituite da oltre 36 mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione, ferma restando la copertura dell’80% delle spese ammissibili, le agevolazioni sono concesse per il 50% in forma di contributo a fondo perduto e, per il restante 50%, in forma di finanziamento agevolato a un tasso pari a zero per le sole spese di investimento. Le esigenze di capitale circolante sono agevolate nella forma del contributo a fondo perduto.

                  Il finanziamento agevolato ha una durata massima di 8 anni, con un rimborso intercorrente a 12 mesi dalla data di erogazione dell’ultima quota di agevolazione ( concessa entro 24 mesi dal Decreto di Concessione)

                  APERTURA DELLO SPORTELLO

                  Per entrambe le linee di intervento si attendono le linee operative e l’apertura dello sportello da parte di Invitalia.

                    Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





                    Categorie
                    News

                    CONTRIBUTI ALLA RIPARTENZA SETTORI DIVERTIMENTO, INTRATTENIMENTO E CERIMONIE

                    CONTRIBUTI ALLA RIPARTENZA SETTORI DIVERTIMENTO, INTRATTENIMENTO E CERIMONIE

                    DOTAZIONE FINANZIARIA:

                    € 2.880.039,48

                    DESTINATARI DELLA MISURA

                    Micro e piccole imprese con sede operativa all’interno del territorio della Regione Marche in possesso dei seguenti requisiti:
                    – essere regolarmente iscritte alla Camera di Commercio ed esercitare una delle attività di cui all’appendice a seguire, anche se non in maniera prevalente;
                    – essere regolarmente attive alla data del 01/03/2020;
                    – essere aperte alla data di presentazione della domanda;
                    – che l’impresa destinataria del contributo non si trovava in difficoltà al 31 dicembre 2019, ai sensi dell’art. 61 comma 1 del DL 34/2020

                    CONTRIBUTO CONCEDIBILE

                    Viene concesso un contributo a fondo perduto, fino ad un massimo di € 20.000, in subordinazione all’attività esercitata. Si precisa che il contributo può essere percepito dalla singola azienda per più attività esercitate, purchè tutte ammissibili ai sensi del bando. Si precisa inoltre che, in presenza di attività ammissibili su più unità locali, il contributo può essere richiesto per tutte le unità locali coinvolte.

                    TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

                    Le domande potranno essere presentate dalle ore 9:00 del 17/01/2022 e fino alle ore 12:00 del 11/02/2022, con delega al consulente.

                    CRITERI DI VALUTAZIONE

                    Ordine cronologico di presentazione.

                    APPENDICE ATECO AMMISSIBILI

                    93.29.1 Discoteche, sale da ballo night-club e simili
                    93.11.9 Gestione di impianti: si considera esclusivamente la gestione di piste da Bowling
                    93.12.00 Attività di club sportivi : si considera esclusivamente la gestione di club sportivi di bowling
                    82.30.0 Organizzazione di convegni e fiere
                    96.09.05 Organizzazione di feste e cerimonie
                    77.39.94 Noleggio di strutture ed attrezzature per manifestazioni e spettacoli:
                    impianti luce ed audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi
                    90.02.01 Noleggio con operatore di strutture ed attrezzature per manifestazioni e
                    spettacoli
                    96.09.05 Organizzazione di feste e cerimonie
                    56.21.00 Catering per eventi, banqueting
                    47.78.35 solo commercio al dettaglio di bomboniere
                    47.24.20 solo commercio al dettaglio di confetti (confetterie)
                    93.29.9 solo le seguenti attività:
                    – Altre Attività Ricreative e di Divertimento esclusivamente per gli spettacoli di fuochi d’artificio
                    – Attività dei produttori di eventi dal vivo (esclusi quelli di natura artistica o
                    sportiva), con o senza strutture
                    14.13.10/20 Sartoria e confezione su misura di abbigliamento esterno : sono ammissibili solo ed esclusivamente le sartorie che producono abiti da sposa e costumi da teatro
                    74.20.19 Altre attività di riprese fotografiche esclusivamente connesse alle cerimonie
                    77.29.1 ammesso solo il noleggio di biancheria da tavola, da letto, da bagno e di articoli di vestiario

                      Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!