Categorie
News

SOSTEGNO ALLE IMPRESE CULTURALI E CREATIVE

SOSTEGNO ALLE IMPRESE CULTURALI E CREATIVE

DOTAZIONE FINANZIARIA:

€ 2.000.000

DESTINATARI DELLA MISURA:

Micro, piccole e medie imprese culturali e creative, comprese associazioni e fondazioni, in forma singola o associata/consorziata da un minimo di 3 ad un massimo di 6 partner. Ammessa anche la partecipazione dei professionisti. Le imprese singole, nonché i liberi professionisti, dovranno esercitare, in forma primaria o secondaria, un’attività ricadente tra quelle ammissibili al bando. Nei paternariati tale attività deve essere svolta da almeno un’impresa appartenente al gruppo.

FINALITA’ DELLA MISURA:

L’obiettivo dell’Avviso pubblico è lo sviluppo di prodotti e servizi culturali innovativi per business culturale e creativo, in grado di apportare significativi miglioramenti nel contesto di riferimento, anche attraverso la valorizzazione di luoghi e istituti culturali. Gli interventi potranno riguardare progetti di sviluppo e innovazione organizzativa e/o di sviluppo e innovazione di prodotti e servizi. Le traiettorie progettuali dovranno unire contenuti culturali e nuove tecnologie e ricadere in uno dei seguenti ambiti: intelligenza artificiale e machine learning per garantire adattabilità dei sistemi e flessibilità, digitalizzazione per la creazione di ambienti immersivi avanzati; reti come base per l’interazione delle piattaforme che offrono servizi, oltre a nuove forme di fruizione dell’arte e della cultura; comunicazione, linguaggio, apprendimento e arte e cultura per l’inclusione sociale.

SPESE AMMISSIBILI:

Sono ammissibili le seguenti spese: beni strumentali e attrezzature per il periodo di utilizzo all’interno del progetto, costi dei materiali e delle forniture, opere murarie nel limite del 20% (solo opzionando il regime De Minimis), hardware, software, brevetti e licenze. Sono ammissibili le consulenze specialistiche volte alla realizzazione del progetto, compresa la progettazione nel limite del 20%, spese di personale dipendente e altre forme di collaborazione nel limite massimo del 20%.

SOGLIE DI INVESTIMENTO:

Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a € 75.000 per le imprese singole e € 200.000 per le forme associative.

ENTITA’ CONTRIBUTO:

Viene concesso un contributo a fondo perduto pari al 50% dei costi ammissibili, prescindendo dal regime agevolativo prescelto ( De Minimis o Esenzione). Per il Regime De Minimis il contributo massimo concedibile è pari a € 300.000.

TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

Opzionando il regime De Minimis, le spese possono essere retroattive al 01/01/2021, purchè il progetto non sia stato materialmente concluso. Opzionando il Regime di Esenzione, il progetto dovrà prendere avvio dopo la presentazione della domanda.

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

Le domande potranno essere presentate entro il 08/03/2024 alle ore 12:00.

CRITERI DI VALUTAZIONE:

Procedura valutativa secondo i punteggi previsti dalla norma di riferimento.

    Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





    Categorie
    News

    INNOVAZIONE DI PRODOTTO SOSTENIBILE E DIGITALE

    INNOVAZIONE DI PRODOTTO SOSTENIBILE E DIGITALE

    DOTAZIONE FINANZIARIA:

    € 28.000.000

    DESTINATARI DELLA MISURA:

    Micro, piccole e medie imprese in forma singola o aggregata, nonché liberi professionisti.

    FINALITA’ DELLA MISURA:

    La misura ha lo scopo di promuovere progetti d’impresa dedicati ad introdurre nuovi prodotti o servizi o a diversificare quelli esistenti sfruttando, obbligatoriamente, i vettori della transizione digitale, della transizione sostenibile e di un’attività promo-commerciale dedicata al prodotto/servizio nuovo o diversificato.

    Per transizione digitale il bando intende, a titolo esemplificativo, le applicazioni di intelligenza artificiale, realtà aumentata, realtà e prototipazione virtuale, prodotti smart e connessi, etichettatura intelligente per la tracciabilità.

    Per transizione sostenibile si intende, a titolo esemplificativo, l’implementazione di sistemi dedicati a favorire l’utilizzo di materiali rinnovabili di origine sostenibile, l’aumento della durabilità, riparabilità e riutilizzabilità del prodotto, nonché il relativo riciclo, oltre a sistemi di produzione, gestione e monitoraggio dell’energia da fonti rinnovabili.

    Per attività promo-commerciale si intende l’identificazione di una strategia commerciale dedicata a promuovere, nei mercati obiettivi, i prodotti generati dalla transizione tecnologica e digitale.

    SPESE AMMISSIBILI:

    Sono ammissibili le seguenti spese: spese per personale dipendente dedicato alle attività di progetto, spese per personale altamente qualificato proveniente da organismi di ricerca o grandi imprese svolgenti attività di ricerca e sviluppo negli ambiti progettuali, spese per macchinari e attrezzature, servizi di consulenza dedicati allo sviluppo della strategia commerciale pari ad almeno il 10% dell’intero progetto, nonché per adempiere agli obblighi di certificazione sul DNSH, spese per investimenti immateriali tra cui brevetti, marchi, software; spese per materiali, forniture e semilavorati, spese generali nella misura del 7% delle altre categorie di spesa.

    SOGLIE DI INVESTIMENTO:

    Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a € 25.000.

    ENTITA’ CONTRIBUTO:

    Viene concesso un contributo a fondo perduto pari al 20% per le micro e piccole imprese e al 10% per le medie imprese in merito a beni strumentali e immateriali (elevabile rispettivamente al 35% e al 25% nelle aree svantaggiate). I servizi di consulenza, i costi per l’ottenimento di marchi e brevetti, le spese di personale e le spese generali sono finanziabili al 50%.
    Il contributo massimo concedibile è pari a € 200.000.

    TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

    Il programma di investimento dovrà essere avviato successivamente alla data di presentazione della domanda.

    TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

    Le domande potranno essere presentate entro il 28/03/2024 alle ore 13:00.

    CRITERI DI VALUTAZIONE:

    Procedura valutativa secondo i punteggi previsti dalla norma di riferimento.

      Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





      Categorie
      News

      CONTRIBUTI PER L’AMMODERNAMENTO DELLE IMPRESE COOPERATIVE

      CONTRIBUTI PER L’AMMODERNAMENTO DELLE IMPRESE COOPERATIVE

      DOTAZIONE FINANZIARIA:

      € 1.492.200

      DESTINATARI DELLA MISURA:

      Micro, piccole e medie imprese cooperative volte all’esercizio di un’attività economica di produzione e lavoro, incluse le cooperative sociali di tipo B ( o miste A e B, purchè l’investimento riguardi la tipologia di attività ammissibile).

      FINALITA’ DELLA MISURA:

      La misura ha lo scopo di promuovere progetti di sviluppo aziendale consistenti in investimenti di innovazione e significativo ammodernamento degli impianti e dei siti produttivi esistenti, incluse le applicazioni digitali e le nuove soluzioni energeticamente efficienti, sicure e sostenibili.

      SPESE AMMISSIBILI:

      Sono ammissibili le seguenti spese: spese per opere edili, murarie e impiantistiche. Sono ammesse spese di manutenzione ordinaria e straordinaria su immobili di proprietà o in locazione almeno quinquennale; spese per macchinari ed attrezzature produttive e hardware; spese per investimenti immateriali tra cui brevetti, marchi, software; spese di progettazione e di consulenza nella misura del 20% delle spese precedenti; spese generali nella misura del 7% delle prime tre categorie.

      SOGLIE DI INVESTIMENTO:

      Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a € 15.000.

      ENTITA’ CONTRIBUTO:

      Viene concesso un contributo a fondo perduto. Il contributo massimo è pari al 50% della spesa ammissibile fino ad un massimo di 300.000 euro in Regime De Minimis. Il tetto massimo è subordinato, per differenza, agli aiuti già percepiti dall’azienda in tale regime. In Regime di esenzione, il contributo massimo è pari a € 300.000, con una percentuale del 20% sui Comuni non rientranti nelle aree svantaggiate e una percentuale del 35% nei comuni di tali aree. Per le medie imprese la percentuale si abbassa, rispettivamente, al 10% e al 35% subordinatamente alla dislocazione di pertinenza.

      TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

      Le spese possono essere retroattive al 01/01/2022 e devono concludersi entro 12 mesi dall’emissione delle graduatorie. L’investimento non deve risultare concluso alla data di presentazione della domanda.

      TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

      Le domande potranno essere presentate entro il 29 febbraio 2024 alle ore 12:00.

      CRITERI DI VALUTAZIONE:

      Procedura valutativa secondo i punteggi previsti dalla norma di riferimento.

        Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





        Categorie
        News

        CONTRIBUTI PER LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE COOPERTATIVE

        CONTRIBUTI PER LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE COOPERTATIVE

        DOTAZIONE FINANZIARIA:

        € 745.100

        DESTINATARI DELLA MISURA:

        Micro, piccole e medie imprese cooperative volte all’esercizio di un’attività economica di produzione e lavoro, incluse le cooperative sociali di tipo B (o di tipo misto A e B, purchè l’investimento ricada nell’attività ammissibile), interessate all’apertura di una nuova unità produttiva. Micro, piccole e medie imprese cooperative, anche inattive, purchè costituite dal 01/01/2023 a seguire, con sede legale in Regione Marche.

        SPESE AMMISSIBILI:

        Sono ammissibili le seguenti spese: spese per opere edili, murarie e impiantistiche. Sono ammesse spese di manutenzione ordinaria e straordinaria su immobili di proprietà o in locazione almeno quinquennale; spese per macchinari ed attrezzature produttive e hardware; spese per investimenti immateriali tra cui brevetti, marchi, software; spese di progettazione e di consulenza nella misura del 20% delle spese precedenti; spese generali nella misura del 7% delle prime tre categorie.

        SOGLIE DI INVESTIMENTO:

        Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a € 15.000.

        ENTITA’ CONTRIBUTO:

        Viene concesso un contributo a fondo perduto. Il contributo massimo è pari al 50% della spesa ammissibile fino ad un massimo di 300.000 euro in Regime De Minimis. Il tetto massimo è subordinato, per differenza, agli aiuti già percepiti dall’azienda in tale regime. In Regime di esenzione, il contributo massimo è pari a € 300.000, con una percentuale del 20% sui Comuni non rientranti nelle aree svantaggiate e una percentuale del 35% nei comuni di tali aree. Per le medie imprese la percentuale si abbassa, rispettivamente, al 10% e al 35% subordinatamente alla dislocazione di pertinenza.

        TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

        Le spese possono essere retroattive al 01/01/2022 e devono concludersi entro 12 mesi dall’emissione delle graduatorie. L’investimento non deve risultare concluso alla data di presentazione della domanda.

        TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

        Le domande potranno essere presentate entro il 29 febbraio 2024 alle ore 12:00.

          Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





          Categorie
          News

          VOUCHER INNOVATION MANAGER (SPORTELLO 2023) MISURA NAZIONALE

          VOUCHER INNOVATION MANAGER (SPORTELLO 2023) MISURA NAZIONALE

          RISORSE DISPONIBILI:

          € 75.000.000

          INTERVENTI AMMISSIBILI:

          Acquisizione di servizi di consulenza in ambito tecnologico e digitale, di ammodernamento organizzativo e commerciale, erogati da un manager qualificato, o da una società di consulenza. Il fornitore va selezionato, necessariamente prima della presentazione della domanda, all’interno di uno specifico albo in precedenza approvato.

          SOGGETTI BENEFICIARI:

          • Micro, piccola e media impresa
          • Reti di imprese, costituite da micro, piccole e medie imprese in numero non inferiore a 3

          TIPOLOGIA DI CONTRIBUTO:

          Fondo perduto

          IMPORTO MASSIMO CONCEDIBILE:

          A) Micro e piccole imprese: contributo a fondo perduto pari a € 40.000,00, corrispondente al 50% della spesa;
          B) Medie imprese: contributo a fondo perduto pari a € 25.000,00, corrispondente al 30% della spesa;
          C) Contratti di rete: contributo a fondo perduto pari a € 80.000,00, ovvero al 50% della spesa.
          Le spese dovranno essere sostenute dopo la presentazione della domanda.

          TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

          Le domande possono essere caricate dal 26/10/2023 al 23/11/2023. La presentazione si svolge il giorno 29/11/2023 dalle ore 12:00

          VALUTAZIONE DELLE DOMANDE:

          Le domande verranno valutate sulla base dell’ordine cronologico di presentazione e finanziate con modalità a sportello fino all’esaurimento delle risorse disponibili (click day).

            Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





            Categorie
            News

            CONTRIBUTI PER LA NASCITA DI NUOVE UNITA PRODUTTIVE DELLE PMI INDUSTRIALI

            CONTRIBUTI PER LA NASCITA DI NUOVE UNITA PRODUTTIVE DELLE PMI INDUSTRIALI

            DOTAZIONE FINANZIARIA:

            € 4.000.000

            DESTINATARI DELLA MISURA:

            Micro, piccole e medie imprese con unità produttiva in Regione Marche, che abbiano già all’attivo, in visura camerale, una nuova unità produttiva a partire dal 01/01/2023 e comunque entro la data di presentazione della domanda. Non è ammessa l’acquisizione successiva di tale nuova unità. Sono ammesse le seguenti attività: attività manifatturiere; attività di fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento, limitatamente ai codici: 38. attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti; recupero dei materiali e 39. attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti. Sono inoltre ammessi il settore delle costruzioni, i servizi di informazione e comunicazione e le attività professionali, scientifiche e tecniche.

            SPESE AMMISSIBILI:

            Sono ammissibili le seguenti spese: spese per opere edili, murarie e impiantistiche fino ad un massimo del 20% del totale dei costi ammissibili. Più precisamente sono ammesse le spese di manutenzione ordinaria e straordinaria, compresa la demolizione e ricostruzione
            dell’elemento edile. Sono inoltre ammissibili le spese per macchinari, attrezzature e hardware; spese per investimenti immateriali tra cui brevetti, marchi, software; spese di progettazione e di consulenza nella misura del 20% delle spese precedenti; spese generali nella misura del 7% delle prime tre categorie.

            SOGLIE DI INVESTIMENTO:

            Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a € 150.000.

            ENTITA’ CONTRIBUTO:

            Il contributo massimo è pari al 50% della spesa ammissibile fino ad un massimo di 200.000 euro in Regime De Minimis. Il tetto massimo è subordinato, per differenza, agli aiuti già percepiti dall’azienda in tale regime. In Regime di esenzione, il contributo massimo è pari a € 300.000, con una percentuale variabile in relazione alla dimensione d’impresa e alla zona di collocazione, fino alla concorrenza massima del 35% .

            TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

            Per il regime De Minimis, le spese possono essere retroattive al 01/01/2022 ( fa fede la data di fatturazione) e devono concludersi entro 12 mesi dall’emissione delle graduatorie. Per il regime di esenzione, le spese dovranno essere avviate dopo la presentazione della domanda e concludersi alla medesima data indicata sopra.

            TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

            Le domande potranno essere presentate entro il 16 novembre 2023 alle ore 12:00.

            CRITERI DI VALUTAZIONE:

            Procedura valutativa secondo i punteggi previsti dalla norma di riferimento.

              Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





              Categorie
              News

              CONTRIBUTI PER L’AMMODERNAMENTO TECNOLOGICO DELLE PMI INDUSTRIALI

              CONTRIBUTI PER L’AMMODERNAMENTO TECNOLOGICO DELLE PMI INDUSTRIALI

              DOTAZIONE FINANZIARIA:

              € 5.608.850

              DESTINATARI DELLA MISURA:

              Micro, piccole e medie imprese con unità produttiva in Regione Marche. Sono ammesse le seguenti attività: attività manifatturiere; attività di fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento, limitatamente ai codici: 38. attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti; recupero dei materiali e 39. attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti. Sono inoltre ammessi il settore delle costruzioni, i servizi di informazione e comunicazione e le attività professionali, scientifiche e tecniche.

              FINALITA’:

              Il bando finanzia progetti di sviluppo aziendale consistenti in investimenti in innovazione e significativo ammodernamento degli impianti e dei siti produttivi esistenti, incluse le applicazioni digitali e le nuove soluzioni energeticamente efficienti, sicure e sostenibili.

              SPESE AMMISSIBILI:

              Sono ammissibili le seguenti spese: spese per opere edili, murarie e impiantistiche fino ad un massimo del 20% del totale dei costi ammissibili, purchè funzionali all’installazione di nuove linee produttive; spese per macchinari, attrezzature e hardware; spese per
              investimenti immateriali tra cui brevetti, marchi, software; spese di progettazione e di consulenza nella misura del 20% delle spese precedenti; spese generali nella misura del 7% delle prime tre categorie.

              SOGLIE DI INVESTIMENTO:

              Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a € 150.000.

              ENTITA’ CONTRIBUTO:

              Il contributo massimo è pari al 50% della spesa ammissibile fino ad un massimo di 200.000 euro in Regime De Minimis. Il tetto massimo è subordinato, per differenza, agli aiuti già percepiti dall’azienda in tale regime. In Regime di esenzione, il contributo massimo è pari a € 300.000, con una percentuale variabile in relazione alla dimensione d’impresa e alla zona di collocazione, fino alla concorrenza massima del 35%.

              TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

              Per il regime De Minimis, le spese possono intercorrere dal 01/01/2022 ( fa fede la data di fatturazione) e devono concludersi entro 12 mesi dall’emissione delle graduatorie. Per il regime di esenzione, le spese dovranno essere avviate dopo la presentazione della domanda e concludersi alla medesima data indicata sopra.

              TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

              Le domande potranno essere presentate entro il 16 Novembre 2023 alle ore 12:00.

              CRITERI DI VALUTAZIONE:

              Procedura valutativa secondo i punteggi previsti dalla norma di riferimento.

                Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





                Categorie
                News

                CONTRIBUTI PER LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE ARTIGIANE

                CONTRIBUTI PER LA NASCITA DI NUOVE IMPRESE ARTIGIANE

                DOTAZIONE FINANZIARIA:

                € 1.000.000

                DESTINATARI DELLA MISURA:

                Micro e piccole imprese, anche inattive, purchè costituite dal 01/01/2023 a seguire. Qualora non ancora iscritte all’Albo delle imprese Artigiane, le medesime sono tenute altresì, ad iscriversi entro 30 giorni dalla data del decreto di concessione del contributo. Pertanto l’impresa, sebbene possa anche essere inattiva al momento della presentazione della domanda, deve già essere iscritta al Registro delle Imprese. Le persone fisiche non possono presentare domanda di contributo.

                SPESE AMMISSIBILI:

                Sono ammissibili le seguenti spese: spese per opere edili, murarie e impiantistiche; spese per macchinari e relativi impianti, attrezzature, stampanti 3D e plotter, scanner e laser; spese per investimenti immateriali tra cui brevetti, marchi, software; spese di
                progettazione e di consulenza nella misura del 20% delle spese precedenti; spese generali nella misura del 7% delle prime tre categorie.

                SOGLIE DI INVESTIMENTO:

                Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a € 20.000.

                ENTITA’ CONTRIBUTO:

                Il contributo massimo è pari al 50% della spesa ammissibile fino ad un massimo di 200.000 euro in Regime De Minimis. Il tetto massimo è subordinato, per differenza, agli aiuti già percepiti dall’azienda in tale regime. In Regime di esenzione, il contributo massimo è pari a € 250.000, con una percentuale del 20% sui Comuni non rientranti nelle aree svantaggiate e una percentuale del 35% nei comuni di tali aree.

                TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

                Per il regime De Minimis, le spese possono intercorrere dal 01/01/2022 ( fa fede la data di fatturazione) e devono concludersi entro 12 mesi dall’emissione delle graduatorie. L’investimento non deve però essere concluso alla data di presentazione della domanda. Per il regime di esenzione, le spese dovranno essere avviate dopo la presentazione della domanda e concludersi alla medesima data indicata sopra.

                TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

                Le domande potranno essere presentate entro il 3 Novembre 2023 alle ore 12:00.

                CRITERI DI VALUTAZIONE:

                Procedura valutativa secondo i punteggi previsti dalla norma di riferimento.

                  Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





                  Categorie
                  News

                  CONTRIBUTI PER L’AMMODERNAMENTO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

                  CONTRIBUTI PER L’AMMODERNAMENTO DELLE IMPRESE ARTIGIANE

                  DOTAZIONE FINANZIARIA:

                  € 8.608.850.

                  DESTINATARI DELLA MISURA:

                  Micro e piccole imprese con unità produttiva in Regione Marche, regolarmente iscritte all’albo delle imprese artigiane.

                  FINALITA’ DELLA MISURA:

                  La misura ha lo scopo di promuovere progetti di sviluppo aziendale consistenti in investimenti di innovazione e significativo ammodernamento degli impianti e dei siti produttivi esistenti, incluse le applicazioni digitali e le nuove soluzioni energeticamente efficienti, sicure e sostenibili.

                  SPESE AMMISSIBILI:

                  Sono ammissibili le seguenti spese: spese per opere edili, murarie e impiantistiche; spese per macchinari e relativi impianti, attrezzature, stampanti 3D e plotter, scanner e laser; spese per investimenti immateriali tra cui brevetti, marchi, software; spese di progettazione e di consulenza nella misura del 20% delle spese precedenti; spese generali nella misura del 7% delle prime tre categorie.

                  SOGLIE DI INVESTIMENTO:

                  Il costo totale dell’investimento non deve essere inferiore a € 40.000.

                  ENTITA’ CONTRIBUTO:

                  Il contributo massimo è pari al 50% della spesa ammissibile fino ad un massimo di 200.000 euro in Regime De Minimis. Il tetto massimo è subordinato, per differenza, agli aiuti già percepiti dall’azienda in tale regime. In Regime di esenzione, il contributo massimo è pari a € 250.000, con una percentuale del 20% sui Comuni non rientranti nelle aree svantaggiate e una percentuale del 35% nei comuni di tali aree.

                  TERMINI DI AMMISSIBILITA’ DELLA SPESA:

                  Per il regime De Minimis, le spese possono intercorrere dal 01/01/2022 ( fa fede la data di fatturazione) e devono concludersi entro 12 mesi dall’emissione delle graduatorie. L’investimento non deve però essere concluso alla data di presentazione della domanda. Per il regime di esenzione, le spese dovranno essere avviate dopo la presentazione della domanda e concludersi alla medesima data indicata sopra.

                  TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:

                  Le domande potranno essere presentate entro il 3 Novembre 2023 alle ore 12:00.

                  CRITERI DI VALUTAZIONE:

                  Procedura valutativa secondo i punteggi previsti dalla norma di riferimento.

                    Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!





                    Categorie
                    News

                    Bonus Energia Regione Marche

                    Bonus Energia Regione Marche

                    RISORSE FINANZIARIE:

                    5,4 mln di cui 2,7 mln intera Regione e 2,7 mln cratere sisma e comuni limitrofi.

                    DESTINATARI DELLA MISURA:

                    Micro, piccole e medie imprese e liberi professionisti. Rientrano in quest’ultima categoria i titolari di partita IVA, sia prestatori di attività professionali ordinistiche che non ordinistiche, che operano individualmente, in forma associata o societaria. Possono presentare domanda le imprese la cui unità operativa nel territorio regionale sia stata avviata antecedentemente al 1° febbraio 2021.

                    CRITERI PER IL CALCOLO DELLA SPESA:

                    Rientra nel costo ammissibile il costo della materia prima energia (luce, gas) incluso nell’imponibile IVA della fattura ad esclusione degli altri costi (es. oneri sistema, trasporto, etc.). Costituiscono spesa ammissibile esclusivamente i maggiori costi sostenuti nel corso delle mensilità dell’anno 2022 (“periodo ammissibile”), equiparati ai medesimi costi sostenuti nel medesimo periodo dell’annualità 2021. Tra i due periodi deve essersi verificato un incremento minimo della spesa, pari a € 3.000 per le micro-imprese, € 5.000 per le piccole imprese e € 7.500 per le medie imprese. I costi di fornitura sono calcolati al netto d’iva.

                    CONTRIBUTO:

                    Il contributo è calcolato nel limite massimo del 50% dell’incremento suindicato fino ad un massimo di € 8.500 per le microimprese, € 15.000 per le piccole imprese e € 20.000 per le medie imprese.

                    TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA:

                    Lo sportello sarà aperto a partire dal 18 maggio 2023 alle ore 12:00 e fino al 06 giugno 2023 alle ore 12:00, fatta salva la chiusura anticipata per esaurimento risorse.

                    CRITERI DI VALUTAZIONE:

                    Ordine cronologico di arrivo.

                      Compila il form sottostante per ottenere ulteriori informazioni!